Mariagrazia De Luca/ Febbraio 6, 2019/ Mangiare e Bere/ 0 comments

Dedicato a Pietro Ferrero, inventore della Nutella

 

Adoro provare ogni tipo di cucina e ho assaggiato un po’ di tutto; sono una specie di avventuriera scopritrice di sapori nuovi. Mi ritengo anche abbastanza coraggiosa a riguardo e dopo aver provato “lei” ho avuto un’ulteriore conferma della mia audacia.
Di cosa sto parlando? Avete mai sentito parlare della vegemite? Se non siete Australiani o non siete mai stati in quei posti impossibile! Non è facile trovarla nel resto nel mondo e dopo averla provata capirete anche il perché… o la ami o la odi, senza mezze misure, Love it or hate it come recita lo slogan di un suo spot; è proprio questo l’approccio che ha la maggior parte delle persone al primo assaggio, a causa del gusto estremamente particolare.

Il simpatico barattolo contiene una crema salata (salatissima) spalmabile, di colore marrone scuro, composta da estratto di lievito di birra, usata principalmente su toast e sandwich per colazione o per merenda, per farcire dolci, per cucinare minestre o addirittura per condire gli spaghetti (sigh!). Un jolly della cucina australiana, insomma!
Da italiana, amante dei “sapori di casa”, ero già scettica; poi quando l’ho assaggiata per la prima volta ho iniziato a pormi diverse domande: ma perché gli Australiani si puniscono così? Quale peccato deve espiare questo pacifico popolo? Perché non danno ai bambini la gioia della Nutella? Perché non mangiano il burro di arachidi o qualcosa di commestibile? In realtà la vegemite è considerata cibo nazionale e gli Australiani su questo sono altamente suscettibili, è il loro grande orgoglio e guai a farne uso improprio o criticarla. Un sapore così particolare è difficile da accettare per chi è cresciuto con gusti differenti. In Australia sono abituati fin da bambini e quindi per loro è un alimento praticamente irrinunciabile.
Dovete sapere inoltre che è una delle più alte risorse commestibili (?) di vitamina B al mondo e per questo motivo è fortemente consigliata già in età pediatrica; ma oltre alle vitamine, l’estratto di lievito contiene anche altri nutrienti essenziali, è povero in grassi e ha poche calorie.

Ma a questo punto sorge un dilemma: meglio crescere felici con la Nutella e avere qualche brufolo in più oppure fare il pieno di vitamine e crescere forti e sani con la brutta e cattiva vegemite?
Nello slang australiano si usa l’espressione “Happy little Vegemite” per indicare una persona felice.
Beh, tutto sommato sembra che la vegemite sortisca buoni effetti… peccato non essere nati da quelle parti!

 

COME MANGIARE LA VEGEMITE?

Anche se l’aspetto potrebbe risultarvi invitante, NON mangiatela a cucchiaiate! Va dosata con parsimonia se non volete scolarvi litri di acqua!

Vi propongo una ricetta molto popolare tra le mamme dell’altro emisfero: i Cheesymite Scrolls. Si tratta di rotoli di pasta frolla da consumare come sfiziosi spuntini a scuola oppure come merenda.
Gli ingredienti principali sono vegemite e formaggio, ma in base ai vostri gusti potete sbizzarrirvi e aggiungere prosciutto, spinaci, pollo, pomodoro, ecc.
Passiamo alla ricetta!

INGREDIENTI

  • Un foglio di pasta sfoglia, quelle confezionate per intenderci

  • Un barattolino di vegemite

  • Formaggio filante e/o cheddar grattuggiato

  • Burro per spennellare

PROCEDIMENTO

Accendete il forno a 220°.

Srotolate la pasta sfoglia e spalmateci sopra un sottilissimo strato di vegemite aiutandovi con un cucchiaio, lasciando tutto intorno i bordi vuoti per almeno 2-3 cm.

Spargete su tutta la superficie uno strato di formaggio.

Arrotolate la pasta sfoglia su se stessa. Richiudete i bordi laterali in modo da non far uscire il ripieno.

E’ il momento di fare le girelle tagliando il rotolo a fette spesse qualche centimetro, disponetele in teglia ricoperta da carta forno oppure imburrata e infornate per circa 15 minuti a 220°C, finché non risultano ben dorati. Se volete le vostre girelle più dorate, spennellatele abbondantemente con un po’ di latte.

Un consiglio: per contrastare il gusto molto salato si consiglia di accompagnarle con qualcosa di dolce o dal sapore delicato come confetture, insalate (poco condite) o avocado!

Dove comprare la vegemite?
Solo online!
Personalmente ringrazio richmonds.it, ottimo Food Shop specializzato in prodotti inglesi.

ROCK YOU TASTEBUDS!

 

 

ARTICOLO CORRELATO

DOVE ANDARE A GENNAIO. VISI-TOUR n.4 – AUSTRALIA E L’ISOLA DELLE MELE

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>