Mariagrazia De Luca/ Agosto 7, 2018/ Mangiare e Bere/ 0 comments

[vc_row][vc_column font_color=”#000000″][vc_column_text]Il condizionatore è al massimo e il caldo continua ad essere insopportabile.
L’Italia è destinata a diventare un Paese dal clima tropicale, questa estate ne è la prova: piogge torrenziali violente che si alternano di continuo a un sole impietoso!
Molti di voi saranno in spiaggia a godersi la brezza marina, ma per chi come me ha scelto di rimanere in città non è così semplice…

I 40 gradi si fanno sentire e anche le piogge!

In momenti come questo scatta la mangerlust! Dove mi porteranno le mie papille gustative oggi?

FLORIDA!

Questo clima mi evoca ricordi di un weekend alle Key West!
In molti sapranno che a sud dello “Stato del Sole splendente” (Sunshine State) vi è un arcipelago di ben 1700 isole coralline e al loro estremo è situata Key West, la città più a sud dell’America continentale, quasi più vicina a Cuba che a Miami. Il posto è unico e presto vi racconterò le sue bellezze in un articolo dedicato.

In una giornata soleggiata, mentre passeggiavamo tra le stradine assaporando l’aria frizzante del posto, una pioggia battente ci colse letteralmente di sorpresa!


Corriamo a rifugiarci in un cocktail bar lungo la spiaggia. Nell’attesa che si liberasse il cielo decidiamo di ordinare qualcosa: la mia amica ordina un mojito, io…. un dolce!
Avete presente la mitica zia Assunta del telefilm “La Tata”? Ecco, lo ammetto, come lei ho un debole per i dolci. Io li considero “antidepressivi naturali”! Nel menu, nella sezione dessert, mi incuriosisce la Key Lime Pie. Più “local” di così!


Mi portano un piattino con una fetta (troppo piccola per i miei gusti! Hey, dove sono finite le mega porzioni americane??!!) di questa torta ricoperta da un ciuffo di meringa morbida.
La crema del ripieno, densa e di un color giallo acceso, è ricoperta da uno strato di crumble. L’aspetto non era dei più invitanti e stavo già rimpiangendo di non aver preso il mojito ma, dopo la prima cucchiaiata, ho dovuto ricredermi!
La consistenza è simile a quella della cheesecake, il sapore molto fresco e acidulo per la ricca presenza del lime, il tutto è compensato dalla dolcezza della meringa.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row content_placement=”middle”][vc_column width=”1/2″ font_color=”#000000″][vc_single_image image=”712″ img_size=”full” alignment=”center”][vc_column_text]La Key Lime Pie racchiude tutti i sapori esotici di questo splendido arcipelago e il lime fa da protagonista. Un vero paradiso per il palato! Con il suo sapore fresco rappresenta la perfetta nota dolce di una cena a base di pesce.
Gli ingredienti sono pochi e il procedimento è piuttosto semplice.

Potete trovare la ricetta originale, scritta in italiano, qui: KEY LIME PIE[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/2″ font_color=”#000000″][vc_column_text]Key Lime Pie

Base:

  • 150 gr di biscotti digestivi sbriciolati
  • 30 gr di zucchero
  • 85 gr di burro fuso

Ripieno:

  • 4 grandi tuorli d’uovo
  • 400 gr di latte condensato zuccherato
  • 120 gr di succo di lime
  • 1 cucchiaio di scorza di lime, grattugiata

Guarnizione di panna:

  • 240 ml di panna fresca
  • 2 cucchiai di zucchero
  • fette di lime
  • scorza di lime tagliata a julienne

…Oppure… guarnizione di meringa:

  • albumi
  • 2 cucchiai di zucchero

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column font_color=”#000000″][vc_column_text]In preda a questi ricordi ho deciso di bissare l’esperienza anche qui a Torino, visto che, in questi giorni, il clima permette di immaginarsi tranquillamente di essere dall’altra parte del mondo…

Essendo più una buona forchetta che una buona cuoca io ho deciso di farmela preparare da veri pasticceri, anche perché volevo che la torta fosse perfetta, in modo da poter rivivere esattamente gli stessi sapori! Beh..vi assicuro che è stato un vero e proprio tuffo nel passato, nella splendida Key West!


Questo è il momento giusto per provarla, vi strapperà un sorriso!
Bella quanto buona 😛

Per il dolcissimo “amarcord” il ringraziamento va alla bakery di Edit Torino[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>